It’s all about putting people together

L’altro giorno un vecchio amico mi ha dedicato questa canzone su Facebook:


Sotto ci ha scritto che ascoltandola ha pensato a me, e che a chi fa lavori social come il mio, dovrebbero spargere petali di fiori davanti ai piedi mentre si cammina.
E poi nel pingpong dei commenti, con altri esempi, che questa cosa di mettere insieme le persone ce l’ho sempre avuta nel sangue, fin dai tempi di scuola.

Con perfetta sincronia, un’altra amica che sta dall’altra parte del mondo mi ha mandato un #FF  su twitter, facendo riferimento alla serata musicale del giovedi sera che avevo inventato anni fa con altri amici in un piccolo pub nel parcheggio di una raffineria ormai chiusa (!), e che per qualche anno ha richiamato almeno per una sera della loro vita migliaia di ragazzi tra Bergamo e Milano che si ritrovavano lì: prima perchè c’era la dancehall, e poi semplicemente perchè c’era la gente.

Continua a leggere

Annunci

la mia parola è: socialità

Non essendo potuto essere presente a Firenze, a ProssimaItalia (che è il nome vero della “convention dei rottamatori”…), anche se avrei molto voluto, provo a recuperare da qua. Nel barcamp (perchè questo è stato) di tre giorni organizzato dal mio consigliere regionale preferito, si sono susseguiti interventi di 5 minuti su parole chiave, mescolati a spezzoni di film e canzoni. Di film e canzoni questo blog parla da tanti anni, e gli interventi di 5 minuti su parole chiave… beh sembravano proprio, dallo streaming su Il Post, uno di quei tantissimi momenti di confronto vero nelle mille riunioni, assemblee, verifiche, tavoli di progettazione ecc che da quando ragiono mi sono auto-inflitto 🙂 in gruppi scout, collettivi, associazioni, fino al mio lavoro sociale, insomma tutto quello che di buono c’è stato e c’è in questo paese – stranamente (?) sempre ben distante dai partiti politici e dalla loro gestione organizzata del consenso… e del potere. Se c’è anche solo la possibilità che questa roba contagi un partito, senza che si faccia contagiare dalla sua burocrazia immobilista, beh per me è già un ottimo risultato. Restando dove sto, comunque mi fa piacere. Ecco i miei cinque minuti:

La mia parola è: socialità.

Continua a leggere

L’italia vista dalla luna

sono a Malaga per lavoro…
sarà perchè sono passato direttamente da due mesi di pioggia e temperature sotto i 20 gradi, alla spiaggia di sabbia piena di ragazze in topless e sotto un sole che ammazza (si, ovviamente mi sono scottato…), ma sto meditando su questo salto in un altro mondo.

E allora mi è venuto in mente che voglio cercare di parlare di casa mia mentre sono in giro – per un problema di prospettive, che cambiano gli ordini di grandezza e di profondità.

Continua a leggere