Expo 2015 e #noexpo

Immagine

Ieri alla Villa Reale di Monza, ossia praticamente sotto casa, si sono riuniti il presidente della Repubblica, il presidente del Consiglio dei ministri, il presidente (o governatore, così è contento) della Regione Lombardia e uno stuolo di altri politici, insieme ad alti ufficiali di polizia – carabinieri – guardia di finanza, e pure qualche alto prelato, per l’ennesimo grande “evento” legato a Expo 2015. Il tutto ha portato la solita militarizzazione della città, coi soliti blocchi del traffico, ingorghi eccetera, e nessun coinvolgimento delle persone che in questa città abitano, in quel che stava succedendo: insomma a guardarla con una prospettiva da film in costume, i nobili hanno fatto il loro gran ballo nella villa del re, e il popolaccio è stato tenuto ben fuori dai cancelli. Del resto, come diceva qualcuno in piazza, l’ultima volta che un capo di stato italiano è venuto da queste parti, l’hanno portato via a piedi in avanti e bucherellato di pallottole… quindi in questura erano tutti molto preoccupati 😀

A parte gli scherzi, fatemi dire come la penso a riguardo.

Continua a leggere

Lo spartiacque.

Prima c’era stato il gran concerto di Manu Chao in piazza Duomo a Milano (mai più niente di simile in quella piazza fino ai giorni di Pisapia, che io mi ricordi…), e prima ancora decine di giornate di preparazione, di autofinanziamento, di organizzazione – tutti andavano a Genova. Tutti quelli che sentivo vicino, tutti quelli con cui mi era capitato fino a quel momento di fare anche brevi pezzi di strada: dai centri sociali agli oratori, dagli scout alle associazioni del consumo critico, dagli insegnanti ai collettivi scolastici, tutti andavano a Genova.

Continua a leggere

Ma non è la fine del berlusconismo.

Per la prima volta in vita mia sono andato a festeggiare un’elezione. Ho passato la serata  in piazza Duomo, ho guardato in giro sorridente. Ho letto decine, centinaia di tweet e di post su facebook, articoli sui giornali di mezzo mondo. Non vivo a Milano, Pisapia non è il mio sindaco, eppure sono soddisfatto.

Agli amici che anche giustamente fanno notare che prima di esultare, vorrebbero vedere il metrò funzionare tutta notte, i palazzinari messi in condizione di non nuocere, i mezzi pubblici raddoppiati e il traffico dimezzato, ho detto che una sera di festeggiamenti ci sta. E lo penso: ci sta proprio.

Continua a leggere

non sta bene – non si fa

Ok, non sta bene non è politicamente corretto non si deve fare…

…ma fatemi fare una risata grassa con la pancia in mano pensando al pd di Milano che… veramente si era autoipnotizzato fino a pensare di poter far vincere le primarie ad un architetto fratello-di, amico dei palazzinari (che Milano l’hanno pugnalata al cuore) e impegolato in quella che rischia di essere la più grande figura di merda (o il più grande sacco edilizio con annessa sanatoria, per stare nei tempi…) della storia di Milano, ossia l’Expo 2015?

E quindi adesso (noblesse oblige, e lì si sa che hanno tutti il pedigree – ops, volevo dire il sangue blu…) tutti i maglioncini dei martini e i signorini majorini coi loro sorrisini si levano dai coglioni?  Non ci posso credere.

Non sta bene, non si fa… ma da ieri sera ho un ghigno fisso nell’angolino. 😉