Il Forum Giovani, chi è costui?

E’ la seconda volta che il governo di Monti incontra, nelle sue consultazioni, il Forum Giovani nazionale.

Il che ha fatto sì che di colpo, l’informazione (che tanto per cambiare, non era informata…) e l’opinione pubblica comincino a farsi domande su questa “cosa”, che dovrebbe essere un organo democratico rappresentativo ma in realtà non lo è, ecc ecc.

Cosa sia dal punto di vista formale e tecnico, il Forum Giovani, lo spiega oggi il Post e a questa spiegazione vi rimandiamo. Ma resta da spiegare come mai Monti ha deciso di prendere in considerazione un organismo che finora nessuno considerava. E per fare questo bisogna avventurarsi nel deserto dei tartari delle politiche giovanili italiane, tema su cui ho la fortuna di dilettarmi per lavoro da almeno 15 anni. E quindi almeno voi avrete la fortuna di scoprire quello che nessuno vi sta raccontando, ossia perchè Monti ci va, a parlare con questi.

Iniziamo ricordando che Monti ha fatto per due volte il commissario nella Commissione Europea  – e in particolare nel secondo mandato, è stato il commissario incaricato dell’antitrust e con questi poteri ha rifilato la famosa megamulta a Microsoft per abuso di posizione dominante nella diffusione del software Internet Explorer, passaggio fondamentale nella guerra dei browser – ma va beh, questa è proprio un’altra storia. In ogni caso, il ragazzo Monti ne sa di enti e di organismi europei.

Quindi sa anche che esiste un organismo che si chiama Forum europeo dei giovani, che viene chiamato in causa dalla Commissione Europea ad esempio ogni volta che si definiscono i budget dei programmi rivolti ai giovani, come Gioventù in Azione, o Apprendimento Permanente (che contiene tra le sue azioni anche il famoso Erasmus). Il forum ha un potere consultivo che di solito però è fatto pesare e considerato, anche perchè rappresenta la popolazione giovanile di tutta l’Unione. Infatti i suoi rappresentanti sono inviati dai vari Consigli nazionali della Gioventù, organismi che ogni Paese UE dovrebbe avere nel suo ordinamento, su base democratica e rappresentativa, e con tanto di articolazione locale in consigli regionali ecc.

Sentite puzza di Montecitorio dei piccoli?
Si, anche io, come ho avuto occasione di dire una volta direttamente al presidente del Forum europeo, che avevo conosciuto in un incontro in Grecia, nel 2003 se ben ricordo.
Era italiano, il presidente.

Esatto, il presidente del Forum europeo era italiano, perchè espresso dalle organizzazioni giovanili pan-europee (in questo caso, dall’organizzazione giovanile dei socialisti europei) che pure partecipano al Forum, e non dal Consiglio della gioventù italiano.

Perchè invece il consiglio italiano non esiste, non è mai esistito.
 Dovrebbe essere il ministro delle politiche giovanili di ogni Paese, a preoccuparsi della sua attivazione e del suo funzionamento. Ma come probabilmente non sapete, l’itaglia un ministro per le politiche giovanili non ce l’ha mai avuto fino a Giovanna Melandri, nominata nel secondo governo Prodi del 2006. L’ha seguita Giorgia Meloni nel governo Berlusconi, che ha trasformato la dicitura in ministero della gioventù (perchè, dicono i maligni, della giovinezza proprio non si poteva). E nel governo Monti la delega è di nuovo scomparsa.

Il Forum giovani italiano quindi in sostanza si è autoconvocato nel 2003, con alcune grandi associazioni nazionali (anche) giovanili, come le Acli, o l’Arci o gli scout dell’Agesci a tirare la volata agli altri. E’ stato “riconosciuto” (ossia citato…) dalla finanziaria del 2005 ma il riconoscimento vero, con la possibilità di partecipare al Forum europeo in rappresentanza degli italiani, è arrivato parecchio dopo, e con difficoltà, a sentire le voci di corridoio. E te credo: mancando una qualsiasi legge quadro nazionale sulle politiche giovanili, ogni associazione può dire di essere “giovanile”: anche i giovani bancari (che infatti ci sono…) e anche tutti i gruppi giovanili dei partiti, e tutto quello che vi viene in mente. Che rappresentatività può avere, un organo del genere? Facendo per un attimo finta di credere al valore della delega elettorale, questi non sono mai stati eletti da nessuno: quindi cosa rappresentano?

Il risultato è, naturalmente, che i giovani italiani non hanno nessuna idea di essere rappresentati, anche con un certo livello di valore formale, dal Forum Giovani.
Che però di fatto fa le veci e le funzioni del Consiglio nazionale della gioventù, e quindi manda i suoi rappresentanti al Forum europeo (il vicepresidente è italiano, e questa volta è proprio un delegato dei nostri) e incontra il Presidente del consiglio nelle consultazioni.

Come funzioni negli altri Paesi UE onestamente non lo so, ma in mancanza di meglio, il Forum giovani rappresenta i giovani italiani. E stop.

Perchè poi in tanti si scandalizzino dell’alta quantità di gruppi cattolici e di lobby di categorie varie nel Forum nazionale (e non, per dire, nel Parlamento…) per me rimane un mistero, ma magari questo potete dirmelo voi. E del resto, un governo nominato dalla BCE vuoi che stia a guardare il fatto che questi del Forum nazionale non sono stati votati da nessuno?

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...