Aria nuova

Ho cambiato grafica, ho cambiato stile.

Cerco di cambiare andazzo, di non farmi risucchiare sempre e solo dalla terribile, incredibile cronaca che tutti i giorni ci versano in testa. Forse ha ragione, chi dice che il segreto è non sapere, non essere informati. Ma ormai è troppo tardi.

Ho cambiato atteggiamento, provo a parlare con tutti, addirittura.
Ad essere accomodante, a far parlare senza saltare alla gola. E’ il nuovo corso, baby.
Democrazia, confronto. E una montagna di cose di cui non è (più?) il caso di parlare.

Però ho una foto in testa, di una mano con una bomboletta che scrive su un muro. Di distese di graffiti. E di teste, e di grida, di rabbie. Di foto in bianco e nero che erano posti e momenti dove io stavo. Lì vicino al fotografo. Di corpi pigiati sotto un palco e di parole, da quel palco, che rimbalzano sui corpi e si amplificano e si moltiplicano. Di odio mosso da amore, come la canzone. Di corpi che si incontrano, di lampi, piccoli presagi di un mondo che viene.

E’ il mio chilometro zero, questo. Inner circle.
E la differenza ora sarà tra chi ha accesso a questa foto, e chi dalle buone maniere verrà cortesemente fermato ad anni luce di distanza. Get your filthy hands off my desert.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...