come va?

Come te la passi, ragazzino che sarai me?

a… 17, 18 anni, mettiamo: cosa fai?
dove li passi questi primi giorni di vacanza, con ancora tutti gli amici a casa, e la scuola finita da poco, e quel profumo di sere che durano settimane, mesi in una notte sola…?

Session intensive di D&D, magari, e videogiochi di cui oggi si è perso anche il nome – e serate in giro in bici sotto i lampioni, soprattutto, a parlar del senso del mondo e altra robetta simile, per farci sopra una risata con tutta la banda.

E l’amore? Che casino, ti senti tirato da tutte le parti, le cose serie e i mille fuochi di paglia, che si accendono così perchè il fuoco ce l’hai addosso, ben chiaro, e ti scorre dentro e ti fa star bene.

E due, tre tende sulla riva del torrente, se non ricordo male, e chitarre e fuoco e stelle e una infinità di parole e di domande. E poi zaino e sentiero, gambe a ritmo, non pensare a niente, sentire la fatica e aspettare l’arrivo, rimasticarsi le domande e vederle svanire, mentre vai avanti.

Chissà se ti bastano ancora, le risposte che ti davi – o già un tarlo scava a convincere che niente è così facile… e una voce risponde che in sostanza e verità, tutto questo non è altro che un gioco.

Lo sai, sì, quanto vale quello che stai maneggiando?
Quanto risplende, visto da qui? anche se un po’ è dissolto, confuso…

Prova a star bene. Lo so che è difficile.
Ti prometto che proverò a fare quello che ti stai rimasticando. Vedrai che avrai delle sorprese.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...