Banditi della Acqui in alto il cuore…

Io ce n’avrei di cose da scrivere…
Tutto un ragionamento sui modi di parlare al microfono, con tanto di tassonomia dettagliatissima; tutto un pensiero sullo sradicamento e il valore dei dialetti e l’uso reazionario fatto dai leghisti di queste cose, in assenza di altri usi più costruttivi; tutto un dico e non dico sul libro che forse prima o poi inizio davvero a scrivere; tutto un pensiero sugli anni che ho e sui figli che non ho; e un sacco, veramente, un sacco di altre cose.

E invece mi tocca ancora parlare di fascismo e merda simile.

Mica un giorno a caso; oggi, l’8 settembre, il giorno esemplare di come funzioni da sempre il potere in questo paese: il re e il governo che scappano a mettere il culo al caldo in braccio agli americani abbandonando ai cazzi suoi un popolo e uno stato, i fascisti che si attaccano con ogni mezzo al carro nazista inventandosi la loro repubblichina in riva al lago (mai riconosciuta ufficialmente da nessuno, tra l’altro…) pur di non perdere il potere, e tutti gli altri che di colpo hanno la possibilità di fare una scelta: chi torna a casa, chi va in montagna, chi a rischio della sua vita (per esempio perchè è sotto le armi, magari all’estero, magari fianco a fianco con i nazisti alleati fino al giorno prima…) manda affanculo il regime e finalmente si sente libero.

Come i soldati e gli ufficiali della divisione Acqui: soldati della forza di occupazione italiana a Cefalonia, nelle isole greche Ionie, non un gruppo di comunisti alla macchia: votano, decidono di non consegnare le armi ai nazisti (fosse anche solo per onore militaresco, un valore lontanissimo da me…) e ne pagano le conseguenze in prima persona, dato che dopo una resistenza disperata contro i nazisti vengono quasi tutti fucilati.

[Il monumento ai caduti della Acqui a Cefalonia]

Il ministro della difesa del mio paese, quello da cui uomini come quelli di Cefalonia avrebbero preso ordini, oggi – proprio oggi – non ce l’ha proprio fatta a non ricordare anche gli altri, quelli come il battaglione Nembo della Rsi.

Che è un gruppo di paracadutisti di cui una parte decise consapevolmente di combattere al fianco dei nazisti e contro gli alleati, a partire dallo sbarco di Anzio. Che è una delle unità militari italo-tedesche che si arresero per ultime (maggio 1945, se non sbaglio) agli alleati. Puro nazi-fascismo repubblichino. Pura merda, rimescolata dalla fogna della storia.

Veramente, avete rotto i coglioni. ADESSO BASTA.

Annunci

One thought on “Banditi della Acqui in alto il cuore…

  1. Una spinta forte al revisionismo ormai imperante da un decennio a questa parte lo ha dato quel pozzo di scienza che è Violante, che introdusse il concetto, quando ricopriva il ruolo di Presidente della Camera, dei cd. “bravi ragazzi di Salò”.
    L’aggettivo “bravi” doveva essere decisamente omesso.
    Sono sicuro che molti di coloro che aderirono alla RSI (come coloro che scelsero le montagne ) lo fecero soprattutto per condizionamenti famigliari ed ambientali (molti di essi non erano nemmeno maggiorenni, quindi ragazzi che vissero il fascismo in adolescenza), ma sono altrettanto sicuro che comunque Violante avesse il dovere morale, politico e istituzionale di sottolineare l’adesione ad una scelta nefasta. E ciò non è avvenuto. E’ normale poi che prolifichino gli strali di Pansa & Co. a ricordarci quanto cattivi fossero i partigiani. Ad essi, e a tutti coloro i quali credono che anche i partigiani perpetrarono violenze bisognerebbe ricordare venti anni di vessazioni della dittatura. E se fossi stato un partigiano, molto probabilmente, avrei avuto i miei bravi conti da saldare. Consiglio, a tal proposito (non a te 😉 ) Wu Ming e Vitaliano Ravagli Asce di Guerra. Illuminante.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...