com’è che si fa?

Com’è che si fa a potersi difendere quando ti guardano con certi occhi, quando da lontano arrivano i ricordi a dirti che sarà di nuovo solo un film in testa, ed è per questo che ti piace provarci, andare a sbattere la faccia?

Butterò questo mio enorme cuore tra le stelle un giorno /
giuro che lo farò…

e intanto sto qui a rigirarmi canzoni tra i denti, a far finta di non sapere come andrà a finire, cosa succede passo per passo ad ogni mossa per ogni pedina… Fortuna che a volte alle canzoni resta attaccata la poesia, così senza accorgersi, e allora si può usare come un incantesimo per dire senza parlare…

Non sono che il contabile dell’ombra di me stesso –
se mi vedete qui a volare,
è che so staccarmi da terra e alzarmi in volo
come voialtri stare su un piede solo –
Difficile non è partire contro il vento,
ma casomai senza un saluto…

Non sono che l’anima di un pesce con le ali
volato via dal mare per annusare le stelle –
Difficile non è nuotare contro la corrente
ma salire nel cielo
e non trovarci niente…

Dal mio piccolo aereo, di stelle io ne vedo
e seguo i loro segnali e mostro le mie insegne –
la voglio fare tutta questa strada
fino al punto esatto in cui si spegne.

La voglio fare tutta questa strada
fino al punto esatto in cui si spegne.

(…e anche qui, ce ne sarebbero di storie da raccontare…)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...